Hendriksen vince il terzo titolo europeo a Sanremo

U.S. Quarto scuola vela
U.S. Quarto scuola vela

La scena era pronta per la resa dei conti finale tra i migliori dragonisti del mondo, in un giorno in cui Sanremo brillava e scintillava sotto un cielo blu senza nuvole e un Mediterraneo impegnativo (vento teso da nord est tra i 18 e i 20 nodi). Solo una manciata di punti separava Lars Henriksen DEN 138 , Markus Weiser UAE 7 e Malte Philipp MON 9 all’inizio dell’ultima prova dove si giocava il titolo europeo.  Il giorno prima, le ottime condizioni meteo, con cielo soleggiato e vento regolare da ponente di 10 nodi, avevano permesso lo svolgimento della quarta e quinta prova, vinte entrambi da Agtivists MON 9 (Philipp Malte, Michael Kurtz, Thorsten Imbeck), seguito da Bunker Queen UAE 7 (Marcus Wieser, Sergey Pugachev, Georgii Leonchuk).

La linea di partenza è sapientemente impostata dall’ottimo Presidente del Comitato di regata Dodi Villani, con una leggera flessione a dritta,
poiché la maggior parte dei dragonisti probabilmente vogliono approfittare del bordo a terra. Anche se c’è stato qualche malinteso sulla linea di partenza con un paio di barche, la flotta se l’è cavata alla prima procedura con un semplice richiamo individuale. Come previsto tutti si
dirigono verso la costa su un lato di mure a dritta, alla ricerca di maggiore pressione, acqua piatta e una arrotondamento del vento che una massa di terra curva può spesso produrre. Con un lato di 2,3 miglia di lunghezza in prima battuta, era evidente che la terra avrebbe giocato
un ruolo tattico fondamentale.

Dopo la gara Lars  ha spiegato: “Abbiamo sentito un sacco di rumore alla radio e dopo una partenza perfetta abbiamo deciso di tornare indietro, pensando che fosse un richiamo generale. Abbiamo presto scoperto che era solo un individuale e così ho rapidamente cercato di fare ammenda chiamandomi l’idiota più stupido di sempre”

In realtà era SUI 311 timonato da Pedro Andrade, con Martin Westerdahl e Diogo Cayolla nel pozzetto, che stava conducendo la gara facendo un lavoro eccellente per conservare la posizione fino alla fine, nonostante l’enorme pressione esercitata dall’ex-campione del mondo Lawrie Smith, che stava trovando la sua forma un po’ troppo tardi in questa competizione. MON 9 che aveva navigato brillantemente il giorno prima registrando due primi posti, stava faticando nelle condizioni di vento forte, e purtroppo l’ex Campione del Mondo , Malte Philipp e il suo team
arrivando 29° usciva fuori dalla contesa globale, pur avendo condotto un campionato brillante che terminava al quarto posto.

E così arriviamo al bordo finale che ha visto Lars e il suo magnifico equipaggio erodere la distanza tra loro e la superba EAU7, con l’equipaggio diretto da Markus Weiser. Al traguardo è stato un grande sollievo per Hendriksen e il suo team essere riusciti a contenere entro 3 punti
il distacco da Markus, conquistando così il Campionato Europeo per soli 2pts. Questo è il terzo titolo europeo per Henriksen dopo aver già vinto nel 1991 ( a Thun ) e 2005 ( a Cowes ) una “tripletta” meritata,

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.