La cronaca dell’8ª GranFondo Città di Camogli

Una settimana di tempo splendido e le previsioni meteo di una domenica altrettanto serena, hanno permesso agli organizzatori di raggiungere la quota prefissata (per non rendere ingestibile l’evento) di mille partecipanti. La gara ha preso il via in perfetto orario alle 10:30 con un primo tratto ad andatura controllata e qualche intoppo, dovuto al traffico domenicale, nell’attraversamento di Rapallo. Poco prima di Zoagli l’auto del direttore di gara ha allungato e la foga agonistica e la tensione accumulata nel primo tratto hanno subito fatto schizzare la velocità oltre i cinquanta chilometri orari. La selezione è stata immediata: Cerri, Castelnuovo e Rovaletti si sono trovati in testa e hanno preso il largo scollinando assieme al primo rilevamento posto al Passo Pozza del Lupo. In discesa Cerri e Castelnovo si sono avvantaggiati di una ventina di secondi nei confronti di Rovaletti che è quasi riuscito a riagganciarsi all’imbocco dello strappo di Moconesi Alta per poi cedere un po’ di terreno sull’ultima salita verso Colle Caprile. Il traguardo a Camogli ha visto la vittoria allo sprint fra Federico Cerri del Velo Club Maggi 1906 e Paolo Castelnovo del Team Ucsa, che hanno preceduto di poco più di un minuto Gian Mario Rovaletti della Equipe Goomah Bike e un gruppetto di agguerriti inseguitori dopo i 100,5 chilometri che hanno contraddistinto l’8ª edizione della granfondo «Città di Camogli».

Fra le donne affermazione di Olga Cappiello del Team Cinelli Santini, che ha preceduto di una cinquantina di secondi la sua compagna di squadra Sabrina De Marchi. Si è aggiudicata la terza piazza Valentina Mabritto del Racing Rosola Bike, che ha avuto la meglio su Raffaella Palombo, dopo aver combattuto fianco a fianco per tutta la gara. Considerato che siamo ad inizio stagione ciclistica e che le piogge hanno tormentato gli ultimi mesi invernali, un dislivello di 1.750 metri come quello della prova camoglina era piuttosto impegnativo, ma anche se il caldo inaspettato e i molti tratti di salita con pendenze oltre l’8% hanno messo a dura prova la resistenza degli oltre 850 partenti effettivi, non sono riusciti a decimarli. Sono stati ben 803 i concorrenti che hanno concluso la prova entro il tempo massimo (anche se qualcuno è stato costretto a mettere il piede a terra sugli strappi più insidiosi) dimostrando ancora una volta l’elevatissimo livello di allenamento dei partecipanti a queste manifestazioni. Giudizi discordanti sul nuovo percorso che gli organizzatori sono stati costretti a scegliere dopo il crollo del ponte di Carasco. Il tratto in riviera è stato molto apprezzato sotto il profilo panoramico, ma poco gradito a causa del traffico e dei molti incroci. Nessuna riserva invece e giudizi pienamente favorevoli per l’inedita salita del Passo Pozza del Lupo, meglio conosciuto come Passo Romaggi. Una salita di 12,6 chilometri con una pendenza media del 5%, che presentava però alcuni tratti ostici intorno al 10%.

Le strade sono state presidiate con cura e la discesa da Romaggi, stretta e tortuosa, il giorno prima, era stata spazzata dal brecciolino depositatosi dopo le ultime piogge. Se qualcuno si è lamentato per i problemi logistici e strutturali caratteristici della zona e per la cronica mancanza di spazi e parcheggi, tutti hanno apprezzato l’ormai famoso pasta party offerto dalla ASD Bici Camogli Golfo Paradiso a fine gara. Trofie al pesto con fagiolini e patate del pastificio Novella, focaccia al formaggio della focacceria Picasso, frutta, crostate e una vasta scelta fra birra e bibite gassate hanno rallegrato gli animi e la ricchissima premiazione ha acceso il sorriso di tutti i partecipanti.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.