Terza Divisione: l’Audax Quinto espugna Cogoleto

Colpo grosso della capolista Audax Quinto che espugna il campo di Cogoleto e chiude sola al comando l’andata del girone B del campionato provinciale di Terza Divisione. 

Ultima giornata di andata, di fronte due squadre agli estremi opposti della provincia, ma separate da un solo punto in vetta alla classifica: sei turni di campionato in un mese e mezzo di partite non sono stati sufficienti per determinare fra Audax e Cogoleto un distacco maggiore. E’ quindi affidato allo scontro diretto di oggi stabilire chi, fra le due contendenti fino a questo momento mai sconfitte, meriti di chiudere questa prima parte di torneo con il titolo morale di campione d’inverno. A stimolare ulteriormente Cogoleto l’occasione di scavalcare Quinto sul filo di lana, per l’Audax l’opportunita’ di aumentare in maniera importante il proprio vantaggio sulla diretta inseguitrice.

Le formazioni in avvio di gara: il Cogoleto di Repetto parte con Ulivi, Serrano’, Calcagno, Patrone (K), Ariganello, Tersitti, mentre l’Audax Quinto di Troisi risponde con Lugli, Chiapparino, Chiappini, Lalli, Speranza, Orlando e il libero Marino.

Partenza!…e subito buon primo set per l’Audax. Dopo le prime schermaglie di assaggio che portano le squadre al sesto turno di battuta ad avere un distacco di soli 3 punti (8 a 11 per gli ospiti), Quinto cambia marcia e prende il largo: due filotti da 5 punti ciascuno, realizzati in rapida successione prima con Lugli e poi con capitan Chiappini al servizio, permettono all’Audax di aumentare considerevolmente il proprio vantaggio e chiudere la prima frazione di gioco con uno scarto di ben 11 lunghezze (14 a 25). Cogoleto 0 Audax 1

Secondo set di matrice totalmente contraria. La prima parte di gara, dominata abbastanza agevolmente, puo’ aver spuntato il mordente delle quintesi, ma dall’altra parte e’ soprattutto Cogoleto ad accendersi e a fondare il suo pronto riscatto, piu’ che sugli attacchi (rari), su una fase difensiva condotta con estrema attenzione, efficacia e continuita’. E’ una resistenza che pare sorprendere le giocatrici dell’Audax, spesso vittima di errori anche banali. Cogoleto guida con decisione e buon margine il secondo set fin dall’inizio e Quinto non riesce mai a ridurre il proprio svantaggio a meno di 5 lunghezze. All’ottavo turno di battuta, Cogoleto piazza una serie di ben 8 punti che stroncano definitivamente ogni velleita’ di rimonta da parte di Quinto. Punteggio finale 25 a 14. Cogoleto 1 Audax 1

Un set per parte con lo stesso punteggio finale, ma la risposta che Cogoleto ha dato al primo punto dell’Audax e’ di quelle che possono lasciare il segno.

A differenza di quelli che lo hanno preceduto, il terzo set e’ molto piu’ equilibrato: dopo 10 turni di battuta le due squadre sono ancora a punteggi incollati (16 a 17). La solidita’ difensiva di Cogoleto pare di nuovo essere l’arma vincente, mentre Quinto comincia a perdere lucidita’: negli ultimi 4 turni di battuta Cogoleto riesce a conquistare progressivamente un margine di 4 punti (25 a 21) che le consentono di ribaltare a proprio favore l’ago della bilancia dell’incontro. Cogoleto 2 Audax 1

Se il terzo set e’ stato equilibrato, il quarto si rivela un’estenuante battaglia di nervi con le due squadre a ribattersi colpo su colpo. Il motivo della gara resta sempre lo stesso: Quinto ad attaccare, Cogoleto soprattutto a difendere, ma con una costanza quasi “ipnotica”, capace di indurre all’errore se non affrontata con altrettanto costante paziente determinazione. Dopo undici turni di battuta le due squadre, che non si sono mai staccate piu’ di 2 punti, sono ancora li’: 16 a 18 a favore degli ospiti. La pressione e’ alta e la stanchezza comincia ad affiorare: la resistenza della difesa cogoletese toglie sicurezza all’attacco quintese che fino a questo momento ha commesso molti errori. Quinto sembrerebbe ad un passo dal cedere set e incontro, ma conquista palla e Orlando si porta al servizio: con un entusiasmante allungo di 7 punti “tutto cuore” Quinto si scrolla di dosso la marcatura stretta di Cogoleto andando a vincere il set 25 a 16. Cogoleto 2 Audax 2

Quattro set e quasi 2 ore di gioco non sono ancora sufficienti per stabilire chi debba prevalere fra Cogoleto e Audax: si va al quinto set ed e’ ancora battaglia. Audax parte in vantaggio (2 a 1 al 2o turno), ma Cogoleto ribalta immediatamente la situazione (6 a 8 al 5o turno). Raggiunti gli otto punti, il cambio di campo sembra aver un effetto benefico sull’Audax che alla ripresa del gioco riesce nell’impresa di annullare lo svantaggio e andare a vincere set e incontro con il punteggio di 15 a 11. Cogoleto 2 Audax 3

Alla fine di una gara lunga, estenuante ed equilibratissima Cogoleto e Audax si dividono la posta in gioco, ma e’ giusto cosi’: si rivela davvero una temibile arma la grande caparbieta’ difensiva delle ponentine, esce alla distanza la determinazione, la capacita’ di soffrire e crederci del gruppo Audax.

Quinto incrementa il suo vantaggio sulla diretta inseguitrice portandolo a 2 punti, ma Cogoleto e’ riuscito a contenere i danni andando peraltro molto vicino al colpaccio. Nessun verdetto e’ stato quindi emesso e il girone di ritorno, ancora apertissimo, si chiudera’ proprio con un nuovo confronto fra queste due compagini tutt’ora in lizza per la vittoria finale.

Grande soddisfazione in casa Audax: questo primo traguardo parziale, conquistato nel campionato di terza divisione, segue di una sola settimana la vittoria del girone nel campionato Under 16 ottenuta con ben due giornate di anticipo.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.