Virtus Spezia, amaro KO a Orvieto

Virtus Elite Spezia

E’ una sconfitta che fa male al cuore quella che subisce la Virtus Carispezia Termo in questa settima giornata di campionato di serie A1. Le spezzine, che raggiungono il massimo vantaggio nel primo quarto, portandosi sopra di 19 punti, si devono infatti arrendere a Orvieto che ha invece dimostrato, con una buona prova corale di carattere e determinazione, di riuscire a ribaltare un parziale che le vedeva in una situazione davvero drammatica. Non è la prima volta che la Virtus, capace di grandi imprese e di un grande basket, butti via le partite precipitando inspiegabilmente nel giro di pochi minuti. “Non sono per niente contento – interviene rammaricato il presidente Lorenzo Brunetto – non tanto per il risultato; quello che mi preoccupa non è aver perso, è piuttosto il come aver perso. Il leitmotiv è sempre lo stesso: in poco tempo la situazione ci sfugge di mano. Eravamo avanti di quasi venti punti, e abbiamo perso. Credo che questo rappresenti un segnale molto grave e allarmante – prosegue – è una costante che si presenta molto spesso; c’è qualcosa che non va e dobbiamo porvi rimedio. È vero che è il nostro primo anno in A1, ma non ci possiamo permettere di buttare via le partite. Se finisci per perdere una partita, pur essendo avanti di 19 punti, mi viene da pensare che tutta la squadra, compreso lo staff tecnico, abbia ancora bisogno di maturare. Forse è proprio questo che manca, la maturità e la consapevolezza di chi siamo”, conclude.

Veniamo alla cronaca. Coach Barbiero schiera nel quintetto iniziale Filippi, Favento, Moore, Malone e Striulli. I primi sette punti della Virtus portano tutti la firma di Silvia Favento, sicuramente una delle migliori tra le spezzine, che tira con una percentuale di realizzazione davvero impressionante. Il divario non fa che incrementarsi, grazie specialmente a una super Favento, alle bombe da tre di Filippi e Moore e a una Malone che mette a segno tre canestri consecutivi. All’ottavo minuto, le spezzine ottengono il massimo vantaggio, portandosi sopra di 19 lunghezze. Il punteggio del primo parziale è quello di 12 a 27. Favento dopo nove minuti è già in doppia cifra, con una percentuale di realizzazione del 100%.

Si ritorna sul parquet con la speranza di ripetere quanto fatto nei primi dieci minuti di gara, ma il film è un altro, la squadra è quasi irriconoscibile, e dal canto suo Orvieto non sta di certo a guardare. Le padroni di casa infatti, non si lasciano abbattere e la reazione arriva puntuale. Bove e compagne impongono un parziale di 12-0. Dopo sette minuti di gara, la Virtus non ha ancora fatto nessun canestro. È Templari che rompe questo terribile momento per le spezzine, ma Orvieto accorcia sempre di più le distanze fino a sorpassare la squadra bianco blu. Morris indovina due tiri liberi su due, e il tabellone segna 34 a 33. Allo scadere del tempo, Puliti mette a segno la tripla che mette al sicuro il risultato di questo secondo parziale: 37 a 33.

Al rientro dagli spogliatoi si registra una sostanziale parità tra le due formazioni. Le spezzine, trascinate da Favento, provano a rimontare, ma quando il punteggio si avvicina a quello delle avversarie, Bove respinge il tentativo di recupero. Due triple consecutive, di Moore e Filippi, riaprono però definitivamente la partita e permettono il momentaneo sorpasso della Virtus. Striulli dalla lunetta allunga ancora un po’ le distanze e quando mancano quattro minuti il punteggio è quello di 46 a 49. A questo punto le due formazioni giocano punto a punto superandosi a vicenda. Favento, allo scadere della penultima sirena, regala il +1 alla Virtus. Il parziale è quello di 54 a 55.

Ultimo periodo di gioco da cardiopalma. La fase si apre con una tripla dell’americana Moore, a cui risponde immediatamente Morris. Arriva poi il canestro della capitana, Favento, a cui segue però quello di Puliti. Dai tiri liberi Striulli non fallisce, e va in doppia cifra portando la squadra sul + 4. Il sorpasso è pressoché immediato, grazie ai due canestri di fila di Morris e a quello di Sutherland, per il 64 a 62. Per la Virtus va a segno Contestabile, ma arriva puntuale la risposta di Orvieto con la tripla di Bove. Dalla lunetta Striulli e Moore riportano la situazione in parità. Quando mancano esattamente 42 secondi, il tabellone segna infatti 67 a 67. Una partita incredibile, che sembrava chiusa dopo solo dieci minuti di gara, ma che invece è come se iniziasse ora. Le umbre sfruttano tutto il tempo a loro disposizione e passano in vantaggio con il tiro di Baldelli. Puliti indovina un canestro su due dalla lunetta. Striulli prova l’ultimo difficile tentativo, ma fallisce il tiro da tre e intanto arriva il suono della sirena. La Virtus Carispezia Termo esce sconfitta per 70 a 67.

“Non siamo riusciti a mantenere alta la concentrazione – interviene coach Loris Barbiero – Qualcosa non ha funzionato, perché ci sono dei picchi in cui andiamo molto bene e altri in cui precipitiamo inspiegabilmente. Credo che in parte il problema derivi da un calo di attenzione, ma non penso che la causa sia riconducibile solo a quello. Oggi abbiamo anche perso la battaglia ai rimbalzi, nonostante il duro lavoro svolto in settimana. Capita che quello che facciamo in cinque minuti – conclude Barbiero – lo distruggiamo in dieci secondi. Dobbiamo lavorare su questo, allenando tanto la mente, quanto il fisico”.

La Virtus rimane quindi a quota otto punti, occupando il quinto posto in classifica insieme a Lavezzini Parma. Domenica le spezzine ospiteranno Gesam Gas Lucca, una gara tutt’altro che semplice, ma che offre una ghiotta occasione per riscattarsi dopo due sconfitte consecutive.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.