L’NBA Zena torna a giocare a Genova

Condividi

Dopo l’esordio del 12 ottobre l’Almo Nature NBA-Zena torna davanti al pubblico amico, dopo un filotto di vittorie (4/4) che nessuno avrebbe osato ipotizzare un mese fa. Sul parquet del PalaDonBosco le ragazze di coach Pansolin affronteranno (inizio ore 16) l’Astro Cagliari, al momento a quota 0 in classifica unitamente al Basket Biassono. Le giocatrici sono però consapevoli che non sarà per nulla facile. Per tutte il pensiero di Giorgia Belfiore, in lenta ma costante crescita dopo l’accoppiata infortunio-influenza.

“Sabato, in questa quinta partita del girone di andata ci viene a fare visita Astro Cagliari. Il modo migliore per affrontare questa partita e’ quello di non guardare i punti che questa squadra ha in classifica ma di scendere in campo consapevoli dei nostri mezzi.
Il nostro avvio di campionato e’ stato dei migliori ma la strada e’ ancora molto lunga e noi dobbiamo affrontare ogni partita sicure di noi stesse e cercando di unirci sempre di più. La chiave per andare avanti e’ quella di giocare insieme senza timore e convinte del potenziale che possediamo.
Sabato ci aspetta una squadra abituata ad un gioco duro, con due lunghe di stazza come Cirronis e Lecktova e Pacilio nel reparto guardie che sicuramente scenderà in campo con tutta la sua esperienza ma noi siamo pronte e sabato lo spettacolo e’ assicurato. “

Anche Giovanni Pansolin suona la carica, con un precisa lettura tecnica.

Torniamo a casa dopo un mese e lo facciamo da imbattuti: è una sensazione bellissima e inaspettata se non nelle speranze e nei sogni di tutti noi. Arriva Astro Cagliari, squadra che a dispetto dello 0 in classifica ha un quintetto pericoloso e in grado di mettere in difficoltà qualsiasi avversaria come ha dimostrato nelle partite fin qui disputate, tutte perse sì ma senza ampi scarti.
Dal punto di vista tattico è l’unica squadra del girone a giocare con due lunghe vere (Cirronis e Letkova) e probabilmente è proprio lì che si farà la partita: dovremo essere brave a imporre il nostro modo di giocare con un 4 tattico e una lunga sola, e non subire il loro con due lunghe d’area. Attenzione anche alle tre esterne, l’italo canadese Pat Marcello, Martellini e Pacilio, esperte anagraficamente e per militanza nella categoria. L’obiettivo è sicuramente anche sfatare quella che un giornalista lombardo ha definito “la maledizione di Biassono”, vale a dire che ogni squadra che ha giocato e vinto con le brianzole ha poi perso al turno dopo: noi ne abbiamo beneficiato (vittorie a Milano e Torino) ma sarebbe auspicabile interromperla qui. Mi raccomando agli appassionati genovesi: tutti convocati!”.

Il “simpatico” riferimento alla cosiddetta “maledizione di Biassono”, sembrerebbe aver già sortito qualche effetto.Nel’allenamento del giovedì un infortunio muscolare ha bloccato Sara De Scalzi, ed il team rosanero teme di doverne fare a meno per qualche partita.Allo staff del Dr. Vassallo il compito, come da tradizione, di “sorprendere” ancora…

spot_img

Articoli correlati

Efficacia e rapidità della manovra, i problemi emersi a Parma, ancora una volta!

Cosenza, Benevento Brescia e Cittadella: ecco le uniche quattro...

Pesi Piuma: Michela Braga neocampionessa italiana

Michela Braga  (ASD Rossetto Boxe) è la nuova Campionessa...

Corso Assistenti Bagnanti FIN: al via a Sciorba il 16 febbraio

Il Comitato Regionale della Federazione Italiana Nuoto (sezione Salvamento),...

Champions League, la Pro Recco fa visita alla Dinamo Tbilisi

Sfida testa-coda in Champions League per la Pro Recco,...

Pegli ritrova la vittoria contro la Polisportiva Pasta

Ritrova la vittoria la prima squadra femminile del Basket Pegli,...

La Dolce Arte vince il 24° Trofeo Gino Bianchi, terza l’ASD Tegliese

Si è concluso il 24° Trofeo Nazionale Gino Bianchi...
- Advertisement -spot_img