La Pro Recco affila gli artigli per la Stella Rossa

Condividi

Un giorno di riposo e poi alle 7 di mattina,subito in partenza. La destinazione intermedia è Roma Fiumicino e poi da qui, coincidenza per Trieste Ronchi dei Legionari. In attesa, un pullman per Opatja,sede del ritiro della squadra, dove sulla strada che conduce a Rijeka (Fiume) sorge la destinazione finale: la sontuosa piscina Kantrida di Costabella progettata dall’architetto milanese Zoppini (lo stesso della ‘Sciorba’ a Genova e per ciò assai simile all’ impianto comunale genovese).

Qui la Pro Recco affila gli artigli per la gara decisiva per il proseguimento in Champions contro la Cvrena Zvezda con una due giorni e mezzo di allenamento congiunto con quella che fu la sua ultima avversaria in Champions League (finale di Oradea) e che oggi viene considerata la compagine più forte d’Europa, il VK Primorje Erste Bank di Rijeka.

I nomi della squadra plasmata da Zoran Roje, oggi passato al settore dirigenziale, fanno paura: l’ex chiavarese e nazionale croato Frano Vican, in porta, il centroboa rumeno,ex Florentia,Cosmin Radu, i fratelli ungheresi Varga, Denes e Daniel, il mancino Xavier Garcia, l’ex recchese Sandro Sukno, l’ex savonese Antonio Petrovic, l’attaccante Petar Muslim,ex Jug Dubrovnik come pure Paulo Obradovic, ed ancora Ivan Krapic, Andelo Setka, Ivan Biljubasic.

E’ quanto di più completo ed impegnativo ci sia oggi per un allenamento ad altissimo livello con una squadra che impensierisca la Pro Recco,similmente a quanto riusicrà la Stella Rossa, attuale campione d’Europa per club.

E’ questo, secondo Riccardo Tempestini,l’intendimento della società.
“Andiamo a fare due giorni e mezzo di ottimo allenamento con una squadra molto forte. Sono convinto che ci servirà per capire molte cose, per misurarci con una compagine temibile e quindi con la possibilità di provare il nostro gioco .
Vogliamo ottimizzare il nostro livello e migliorare ed innalzare il nostro livello,sfruttando al massimo i giorni che ancora ci separano dalla partita con la Stella Rossa”.

Condividi

Articoli correlati

A1 femminile: Bogliasco pronto per la sfida con Acireale

Dove eravamo rimasti? Dopo quasi tre mesi di stop...

RN Savona, Bruni e Nicosia raccontano l’Argento italiano a Doha 2024

A pochi giorni dalla conquista della medaglia d’argento nella...

Netafim Bogliasco 1951 fa festa dopo il derby con il Chiavari

Le vittorie sono tutte belle e importanti. Ma qualcuna...