45° Trofeo Nico Sapio: parlano Tarzia e Nardini

30
banner_696x100genoasamp

Abbiamo incontrato durante la conferenza stampa di presentazione del 45 trofeo Nico Sapio due protagonisti pronti a tuffarsi alla Sciorba. Sono Claudia Tarzia, nuotatrice della Genova Nuoto e il suo amico e collega  Davide Nardini trasferitosi da poco qui in Liguria.

Claudia come descriveresti il trofeo Nico Sapio?
“Il valore del Nico Sapio è sempre stato altissimo, quest’anno vale ancor di più perchè è l’unico trofeo che può garantire la qualificazione al Mondiale.Gli italiani ci saranno tutti insieme a molti stranieri con nomi importanti. Sicuramente questo è un test importante visto che è il primo trofeo della stagione ed è utile controllare se gli allenamenti stanno andando bene, per poi puntare agli Assoluti ad Aprile. Per me partecipare è un grande onore e anche Mara (la presidente della società) è un valore in più.”

Quali sono  tuoi obiettivi?
“Quest’anno vorrei entrare in finale, anche se sono stata male rimanendo dodici giorni a casa senza nuotare, ho appena ripreso, farò le gare lo stesso e ci proverò”.

In quali gare ti vedremo protagonista?
“Farò i 50 e i 100 farfalla, le avversarie che dovrò affrontare sono sempre le solite, Ilaria Bianchi,Elena Diliddo e forse Silvia Di Pietro se riuscirà a recuperare dall’infortunio”

Essere donna è difficile in questo sport?
“No, non è così difficile, il difficile è organizzare ed incastrare i vari impegni, ma lo studio e gli allenamenti stanno andando bene.”

Davide da Bergamo a Genova per trovare nuovi stimoli, come sara debuttare al Nico Sapio?
“Quest’anno è il mio primo anno come genovese e vivo questa esperienza abbastanza agitato, ma sono  molto contento di questo. Mi sono traferito i primi di settembre perchè cercavo nuovi stimoli, volevo sfidare atleti di alto livello, dato che nella mia squadra non c’era ormai più nessuno”

Ti sembra di aver fatto la scelta giusta?
“Sono molto contento della scelta che ho fatto. Mi trovo bene con l’allenatore,sia con i ragazzi e gli allenamenti mi piacciono. Sono molto soddisfatto anche se sicuramente non è facile cambiare tutto.”

Che effetto farà scendere in vasa con grandi campioni?
“Per un atleta di buon livello come me questo da un stimolo in più, scendere in vasca vicino a Luca Dotto o un altro atleta così e bellissimo”. 

Qual’è la tua specialità e quante ore ti alleni?
“Sono i 200 stile che farò anche al Nico Sapio, cercando di dare il massimo Mi alleno tutti i giorni dalle 5 alle 2 ore alternando attività in palestra agli esercizi in vasca”. 

Quali sono le gare più importanti che hai vinto?
“Nel 2017 a Netanya in Israele ho vinto l’oro europeo giovanile insieme a Nicolò Martinenghi,Federico Burdisso e Thomas Ceccon nella staffetta 4×100 mista siglando anche il record. Ai mondiali Juniores di Indianapolis invece facendo un gran tempo ho vinto il bronzo. Sono tra i primi dieci a livello italiano e andare alle Olimpiadi sarebbe un grande sogno”.

(ha collaborato Nicolò Granone)

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com.