ATP Kitzbuhel: semifinale fatale per Fognini

12
Fabio Fognini sfiderà Seppi al Roland Garros
Fabio Fognini sfiderà Seppi al Roland Garros

Fabio Fognini si ferma in semifinale nel “Generali Open – Kitzbuhel”, torneo ATP 250 con un montepremi di 482.060 euro in corso sui campi in terra rossa della località austriaca. Si è dunque interrotta a sei la striscia di match consecutivi vinti dal 30enne di Arma di Taggia, numero 25 Atp e seconda testa di serie, reduce dal suo quinto titolo Atp conquistato domenica scorsa a Gstaad: 75 63 il punteggio con cui si è imposto, in poco meno di un’ora e mezzo, il tedesco Philipp Kohlschreiber, numero 47 del ranking mondiale, centrando il sesto successo in otto testa a testa con l’azzurro, che conferma di soffrire come avversario il 33enne di Augsburg.

Sarà la 17esima finale nel circuito maggiore per il tedesco (7 i trofei fin qui in bacheca, l’ultimo dei quali lo scorso anno a Monaco), la seconda in questa stagione dopo quella persa a Marrakech a metà aprile con il Next Gen croato Borna Coric. Kohlschreiber ha già vinto il titolo a Kitzbuhel, nell’edizione 2015, quando nei quarti di finale aveva eliminato proprio Fognini per 76(0) 64.

La cronaca. L’ottavo confronto diretto tra i due (oltre i 35° la temperatura sulle Alpi austriache) si è aperto nel segno del servizio. Dopo 11 punti di fila tutti per i giocatori alla battuta, è stato un doppio fallo di Fognini a dare il primo quindici a chi rispondeva, senza conseguenze perché il ligure si è portato 2-1. Più gravi invece i due doppi falli commessi dall’azzurro nel settimo game, che abbinati a qualche errore di troppo da fondo sono costati il break, con il tedesco a sfruttare la quarta opportunità utile per issarsi 4-3. Immediata la replica dell’italiano, che ha strappato a sua volta il servizio all’avversario, riagganciandolo sul 4-4. Qui, anche se poco assistito dalla prima di servizio, Fabio ha saputo fronteggiare altre due pericolose palle break, costruite da risposte molto aggressive di Kohlschreiber, salendo sul 5-4 in suo favore. Il 33enne di Augsburg non ha minimamente tremato, ottenendo il 5-5 e poi piazzando un altro break, quando Fognini ha azzardato uno schiaffo da tre-quarti campo sul 30-30 e poi un drop shot, letto bene dal rivale, con efficace contro smorzata. E con un ace esterno il tedesco ha intascato la prima frazione, al secondo set point, dopo 46 minuti. Al cambio campo l’azzurro si è fatto massaggiare il braccio destro dal fisioterapista, tenendo comunque senza problemi il game di apertura. Invece il 30enne di Arma di Taggia ha perso il terzo gioco (1-2), dopo essersi trovato 40-0 e poi sul vantaggio interno. Un margine che ha dato ulteriore tranquillità ed energia al gioco di Kohlschreiber, con Fognini rimasto in scia (2-3), nonostante due doppi falli e una palla break. Nel sesto gioco, però, sul 15-30 Fabio ha commesso tre errori su colpi di rimbalzo (un diritto e due rovesci) non sfruttando una potenziale chance di rimettere in equilibrio il set. Scampato il pericolo, il tedesco ha proceduto spedito, per poi chiudere 63 con un secondo break, propiziato da due doppi falli consecutivi di Fognini (8 complessivi) e un diritto in rete sul match point.

Nell’altra sfida di fronte il sorprendente austriaco Sebastian Ofner, 21 anni, numero 157 del ranking mondiale, in tabellone grazie ad una wild card, ed il portoghese Joao Sousa, numero 62 Atp: tra i due non ci sono precedenti.

Condividi
Nato a Genova nel 1985, appassionato di sport da sempre. Scrivo soprattutto di tiro con l'arco, grazie alla collaborazione con la Fitarco, e di pallanuoto nella sezione web dedicata de Il Secolo XIX. Negli scorsi anni sono stato uno degli speaker "sportivi" di Radio 19.